il mare d'autunno

19 novembre 2012
Ma voi, il mare incazzato, l'avete mai visto?
In questo periodo dell'anno poi ha un aspetto tutto particolare, il mare quando si incazza. 
È scuro, grigio, agitato, nervoso, sembra voglia abbandonare i fondali per venire a farci compagnia sulla terra ferma. Se proprio volete paragonarlo a qualcosa, in modo da avere un'immagine più nitida di un mare autunnale che fa i capricci, pensate a come siete voi il lunedì mattina. 
Io ci ho riflettuto esattamente una settimana fa, alle 07.30 di un tetro lunedì mattina, imbottigliato in mezzo al traffico perché gli ingegneri son persone furbe, e distribuire quattro rotonde in un chilometro e mezzo su una strada statale sembrava cosa buona e giusta. 
Così io stavo in macchina che mi sparavo gli Alkaline Trio in modo da poter iniziare al meglio un'importante giornata, e attorno a me tante altre macchine bloccate, con all'interno persone tristi, grige, agitate, che suonavano il clacson, imprecavano e si sfogavano con il passeggero. Io invece non avevo nessuno alla mia destra contro cui inveire; avevo un sedile vuoto e il panorama del mare, quel mare incazzato e forte, che grazie all'alta marea in alcuni punti riusciva ad invadere la strada, e con i suoi schizzi sporcare il parabrezza in maniera quasi imbarazzante.
Lo ammiravo mentre nel pieno della sua forza e potenza lanciava bianche e spumose onde contro i piccoli scogli posti a ridosso della carreggiata. Poi dalla destra portavo lo sguardo sulla sinistra, ed ecco che dentro una Ka grigia sedeva una signora, con il viso triste e violento come il mare, scocciato e profondamente segnato da una mattinata probabilmente iniziata male. E ancora, alla destra, il mare. E quel sole sbiadito, reso sporco dalle nuvole, che quasi infastidisce la vista.
Allora ho pensato che forse, insieme a tutti noi, anche il mare, così come il cielo, si era svegliato male quel lunedì mattina, aveva poggiato il piede sbagliato a terra e la giornata sarebbe cominciata e proseguita in salita.
Poi, fortunata mia, è andato tutto bene. Ma questa è un'altra storia.

31 commenti:

Harley Quinn ha detto...

Io non lo percepisco incazzato, il mare d'inverno.
Lo vedo impetuoso, ma di quell'impeto buono e giocoso.
Ecco, per seguirti sulla scia delle similitudini... lo vedo come noi il venerdì! Che sei lì che non vedi l'ora di arrivare a fine dell'orario di lavoro per sganciarti dai casini e passarti quei tre sacrosanti giorni in santa pace.
E sei lì che trattieni a forza l'entusiasmo.

E quanto lo preferisco al mare d'estate, quello invernale.
Un abbraccio, Pesa :)

poison ha detto...

L l'ho visto il mare incazzato.
Ma, come credo capìti a tutti coloro che non hanno la fortuna di vivere vicino al mare, ogni volta che lo vedo, il mare, non riesce a trasmettermi la sua incazzarura, perché ogni volta è una visione che mi affascina, come fossi un bimbo che lo vede per la prima volta.
Forse ho scritto volta qualche volta di troppo.

MrJamesFord ha detto...

Vorrei vivere vicino al mare per poterlo vedere incazzato e anche no.
Comunque questo post ha qualcosa di straordinariamente poetico.

Aria ha detto...

Concordo con Mr.James, penso sia uno dei tuoi post più belli. Io non amo particolarmente il mare invernale, boh, sarà che gia sono malinconica di mio, lui concilierebbe solo di più il pensare...
Ma comunque, che bello...ho immaginato la scena, come fossi seduta su una panchina a guardare con i tuoi occhi. Bello!

Thunder ha detto...

Lo vedevo ogni giorno fino a qualche mese fa, ed ogni volta mi trasmetteva una forza incredibile.

Marina ha detto...

L'immagine del mare e della signora nella Ka. Mi è sembrato di poter vedere con i miei occhi.
Cinematografico, nella maniera migliore

pesa ha detto...

@Harley Quinn: Invece secondo era semplicemente la trasposizione di come fossi io in quel momento. Ero profondamente incazzato perché rischiavo di far tardi ad un esame, e vedere il mare in quell condizioni, me l'ha fatto percepire così. Ma infondo, il mare, da sempre tranquillità e pace.

@poison: Ma dopo la prima volta quante altre volte l'hai visto il mare incazzato? E vorresti vederlo altre volte o ti basta il ricordo della prima volta? Facciamo una sfida a chi scrive più volte volta? :D

@Mr.Ford: Vederlo non incazzato poi ha tutto un altro gusto, specialmente in estate. Ma guarda, io il mare lo preferisco d'inverno. Adoro passeggiare al Poetto con la spiaggia totalmente libera e non affollata come i bei giorni estivi.

@Aria: Addirittura uno dei più belli? Ma così mi onori mia cara. Grazie mille per il complimento :)

@Thunder: Io penso non riuscirei a starci così tanto lontano. E non perché ami impanarmi sulla spiaggia e prendere il sole (io lo odio!), ma perché il mare, qualcosa te la deve sempre trasmettere!

@Marina: Beh, ho passato l'esame di Cinema, come poteva essere diversamente :D Comunque non ricordo se fosse esattamente una Ka, però ho nominato una delle macchine più brutte che mi siano venute in mente!

poison ha detto...

ci sto.
non ricordo quante volte l'ho visto, incazzato, dal vivo. Non tantissime (volte), lo ammetto. Ma di guardare il mare, in qualunque condizione, io non mi stanco mai.
Soprattutto camminando su una spiaggia. Che se è deserta è meglio. (A volte). :)

Thunder ha detto...

Anche io lo pensavo, e lo penso tutt'ora, ma a volte la vita ci impone delle scelte obbligate, per cui appena ne avrò la possibilità farò in modo da avercelo vicino :)
Io in verità amo tutti i paesaggi che non hanno limiti di spazio e ti danno un senso di infinito, ma il mare è un qualcosa che oltre ad essere bello è anche vivo.

Marina ha detto...

Licenza poetica :D

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Il mare calmo quando sono incazzata ha potere rasserenante.
Quando la mia incazzatura coincide con quella dell’oceano di fronte ad esso mi sento piccina, la sua furia mi terrorizza, la sua immensità mi agghiaccia.
Per la serie tu hai le ovaie in giostra? Io ho i fondali girati, allora?
Risultato? Mi quieto lo stesso.
In sintesi il mare su di me ha un effetto ipnotico-tranquillizzante SEMPRE :)

P.S.
La signora aveva più motivi per essere triste: cazzo era lunedì ed è proprietaria di una Ka.
E mica di una Ka qualunque, di una KA GRIGIAAA :( non si può…
Pooooraccia ;)

Enzo ha detto...

Che bello andare al lavoro guardando il mare. E' incazzato, è vero, come il traffico, come chi guida. Son tutti incazzati al giorno d'oggi. Io ho la fortuna di farmi 100 km per andare al lavoro. Parlo di fortuna perchè non devo guidare, lo fa Trenitalia ( sarà poi una fortuna? ). Ma quando arrivo a Torino, mi godo lo spettacolo delle montagne. Mica tutti possono permetterselo. Buona serata!!!

Saziozero ha detto...

Penso che il blues sia nato di lunedi mattina, gran bel post, il mare fuori e il mare dentro a volte combaciano?

Giorgia Percosasiamonati ha detto...

Il mare incazzato mi fa davvero impazzire, starei a guardarlo per ore. Bel post !

pesa ha detto...

@poison: Basta! Hai vinto! Son troppo scarso io, finirei a fare un copia/incolla della parola "volta" per 200 volte pur di vincere :D

@Thunder: Alla fine abbiamo bisogno, e necessità, di sentirci piccoli e insignificanti di fronte alla natura. Io sotto la Maiella sentivo questo senso di libertà e allo stesso tempo oppressione, alla vista di un massiccio così immenso. Un po' come l'immensità e la forza del mare.

@Marina: Esattamente :)

@Grace: Ahahahah allora non sono l'unico a pensare che la Ka sia una macchina più che inguardabile (non me ne vogliano i possessori, ma è così!). Pensa che una volta ne vidi una giallo acceso, e mio cognato ne ha una verde moscone!

@Enza: Oddio, mi sa proprio che viaggiare con Trenitalia non è affatto una fortuna, anzi! Ma in effetti anche tu hai ragione, e come ho detto a Thunder, poco più su, abbiamo tutti bisogno della natura che ci ricordi quanto siamo piccini.

@Saziozero: Il blues è nato un lunedì mattina tra un mal di testa e un altro bicchiere di whiskey per placarlo.

@Giorgia: E qui in Sardegna abbiamo posti niente male per stare a guardarlo. Son gli stessi di quelli che in estate si riempiono di turisti al sole, ma in inverno diventano magici e unici.

Bill Lee ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Bill Lee ha detto...

uffa. di oggi è la seconda volta che scrivo un commento lunghissimo e blogger mi da un errore a caso e me lo fa sparire.
vabbè volevo dire che il mare non mi piace più.

minimo ha detto...

Vivo nell'altra isola e il mare incazzato fa parte dei miei panorami fin da bambino.
Ps: sei sardo credo

Emix ha detto...

Il mare incazzato l'ho visto eccome.
Dovresti vedere me incazzato.

Giulia Mattei ha detto...

Lo vedo tutte le mattine davanti alla stazione. E' molto, molto bello.

. ha detto...

Il mare incazzato mi fa paura e anche il lunedì mattina non mi lascia mai del tutto tranquilla, meglio stare a debita distanza da entrambi.

Ettore ha detto...

Troppa roba grigia, quello è il problema.
Ma il problema più grande sono le rotonde. Attorno a casa mia ce ne sono 11. Alcune non hanno sbocchi, sono solo rotonde in mezzo ad altre rotonde.

Sileno27 ha detto...

il mare incazzato è stupendo.

pesa ha detto...

@Bill: E perché non ti piace più?

@minimo: Dimmi la verità, hai sentito l'accento, vero?

@Emix: Metti un video su YouTube in cui sei incazzato.

@Giulia: Neanche un giorno in cui è bello? Eh ma che sfiga, dai!

@.: Purtroppo dai lunedì difficilmente riesco a star lontano, dal mare invece per fortuna non ce la faccio.

@Ettore: Ecco finalmente uno che capisce qual è il vero problema! Le rotonde! Sponsorizzate come il bene del mondo in realtà sono il male fatto ad asfalto e cemento!

@Sileno: Ben tornato.

Emix ha detto...

detto, fatto.

A. ha detto...

Si. Visto fin troppe volte.

Hai mai visto il sole in sintonia col tuo umore del lunedi mattina!? ;)

Chiara ha detto...

non ho mai capito quella cosa del mare d'inverno nella canzone quando dice " è un concetto che il pensiero non considera". Io lo considero spesso, appena posso ci scappo al mare d'inverno. ma forse è solo perchè vivo a MilanoMerda. comunque il mare d'inverno è molto bello, e se sta incazzato ti fa sentire proprio un nulla. tipo "io sò io e voi non siete un cazzo"

pesa ha detto...

@Emix: Questo l'ho già visto, il mio era un invito a farne prontamente un altro!

@A.: Quando avevo un lavoro ed ero costretto a svegliarmi all'alba sì, fin troppe volte. Ora che invece ho ripreso a studiare, per me il lunedì mattina rappresenta i postumi della domenica notte :D

@Chiara: Onestamente non lo so neanche io, però quella frase tra i commenti su YouTube ha 28 "mi piace" quindi forse ha un significato troppo profondo che noi non comprendiamo. Cazzarola, il paragone tra il mare e Onofrio del Grillo è maestoso!

Josy ha detto...

alkaline trio! e tutto il resto. sei ufficialmente il mio preferito oggi.

pesa ha detto...

@Josy: Finalmente qualcuno che commenta la mia scelta musicale in macchina! E che scelta aggiungerei. Un gruppo che ho scoperto troppo tardi, ma c'è sempre tempo per recuperare.

Josy ha detto...

Io li ascolto da quando ero una teenager anarchica. From here to infirmary è il mio album preferito, però la canzone più bella in assoluto blue in the face .

Posta un commento

Drink!