deficiente

14 novembre 2011
Una persona deficiente va incontro a numerose avversità nel corso della sua vita, e il più delle volte son spiacevoli situazione che proprio quest'ultimo/a va a creare o addirittura a ricercare. Ecco quindi spiegato perché poi si vanno a scrivere cose deficienti, proprio come il mio precedente post, si vanno a pensare cose deficienti, si instaurano rapporti con persone di eguale o maggiore, in alcuni casi, deficienza. E sembra proprio che tutto ciò sia di incredibile giovamento e somma felicità per il soggetto in questione. 
Io sono un deficiente. Quindi, come deficiente, devo andare a capitare in situazioni idiote, stupide e fuori dal normale, senza fare il benché minimo sforzo per creare questo tipo di avvenimenti. Un paio di giorni fa, proprio mentre mi era venuta in mente l'idea del post precedente, che tanta preoccupazione ha creato nel cuore e nella mente dei miei più appassionati lettori tanto da rovinargli il week-end, stavo tornando a casa dopo una poco impegnativa serata lavorativa. Mentre guidavo sentivo un pungente dolore provenire dalla parte inferiore delle costole, proprio localizzato all'altezza dello stomaco. Questo immenso dolore si manifestava a momenti, e aumentò d'intensità una volta sceso dalla macchina,  rendendomi impossibile persino camminare. Preoccupato e sofferente facevo palpare il mio avvenente stomaco alla mia dolce metà per cercare di capire se riuscisse a percepire un qualche male incurabile. Vuoi per un periodo di stress fuori dal comune, o per l'immensa quantità di alcolici assunti durante l'arco dei miei ventiquattro catastrofici anni, sia io che Lei abbiamo pensato, tragicamente, ad un'ulcera. 
Salutata l'amore della vita mia, con la preoccupazione sul volto, mi dirigo alla guardia medica del mio paese già immaginando nella mia mente chissà quali risvolti della mia esistenza: una vita destinata ad estinguersi in sei mesi e quindi il mio blog diventare tra i più popolari d'Italia, con il racconto di un giovane prossimo alla morte; file di amici all'ospedale che in lacrime manifestavano il loro affetto nei miei confronti; e così via. 
Arrivato in loco espongo il mio problema alla dottoressa di turno. Questa mi guarda con uno sguardo decifrabile come "questo e stupido" o una grande preoccupazione, e mi fa accomodare sul lettino. Alzo la maglia e inizia a toccarmi: tocca a destra, tutto normale; tocca a sinistra, dolore mortale. 
«Faccia un profondo respiro» e ficca la mano immediatamente sotto la gabbia toracica, effettuando una piccola pressione. Improvvisamente sento che si aziona il mio sfintere. Come catapultato in un mondo parallelo sento il mio stomaco liberarsi e l'aria fluisce fuori dal mio soave deretano delicatamente, quasi come se non ci fosse nessuno in quella stanza. Sollevato e gratificato al pari un orgasmo bellissimo, guardo la dottoressa che mi fa «Quando l'intestino si dilata può far molto male, ma non si preoccupi, ora è tutto risolto». 
Con il viso rosso dalla vergogna, mi alzo dal lettino, porgo le mie scuse per la grottesca situazione ed esco dall'ambulatorio, pensando che effettivamente tutto ciò che ha a che fare con il gas o con dell'aria all'intero del corpo umano mi riguarda. Concludo quindi la serata triste e sconsolato andando a casa di Pisello® a giocare a PES, ovviamente vincendo, ma con l'angosciante situazione di deficiente che grava sul mio essere. 

22 commenti:

MrJamesFord ha detto...

A volte i più grandi problemi richiedono le soluzioni più semplici.

Bill Lee ha detto...

sei un deficente

Sileno27 ha detto...

ah, ok, prendo nota, tu sei un 'deficente' e non un cretino-idiota-pirla-stupido-scemo ecc..

sei un deficente. nel senso che defici. nel senso del verbo deficere (sinonimo di: mancare, scarseggiare).
diciamo che defici un po' di intelligenza, ecco.

Ed inoltre sei pure uno scoreggione cronico.

Juliet ha detto...

Sei un adorabile deficiente.

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Pesa..
Pesaaaaaa?
PEEEEEEEESAAAAAAA?
Credo di NON AVER MAI RISO TANTO LEGGENDO UN POST!
Ma perchè la dottoressa, dopo la tua liberazione, la immagino BIONDA e TUTTA SPETTINATA? Hahahah!

pesa ha detto...

@MrFord: Mi ha ricordato tantissimo la scena del film "L'ultimo re di Scozia". Però la mia scoreggia non era così forte.

@Bill Lee: Diamo a Cesare ciò che è di Cesare.

@Sileno: Esatto, non avrei saputo trovare parole migliori!

@Juliet: Sono il migliore, lo so :)

@Grace: Ma no, l'ho già detto: sono un cavaliere, io. È stata una scoreggia delicata, di quelle senza rumore, come un lieve soffio che passa attraverso le tende. La cosa più bella è che non ha neanche odorato.
Però ci son rimasto comunque un po' male.
Orgoglioso di averti fatto ridere :)

VioletPussy ha detto...

Capisco..Io sto con un deficiente...
Beh,hai trovato una brava dottoressa,l'ultima volta che sono andata dalla guardia medica,mi aveva diagnosticato una stomatite. Avevo le placche in gola. Da quella volta mi curo by myself...

Emanuele Secco ha detto...

Ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah!
Scusa ma non posso fare a meno di ridere! ;)
Prooooooooooooooooooooooooooooot!

E.

Gianna ha detto...

Sei troppo simpatico!

pesa ha detto...

@Violet: Dimenticavo appunto di dire che la deficienza rende le persone estremamente affascinanti :D

@Emanuele: Ormai passo il tempo a deridermi, fai pure :)

@Gianna: Grazie mille e benvenuta, spero di divertirti anche tante altre volte.

Marina ha detto...

AHAHAHAHAH ma cazzo! Io e la mia ipocondria saremmo capaci di episodi simili, me lo sento, devo solo aspettare un momento propizio!

pesa ha detto...

@Marina: Ti prego, non farlo, potresti arrivare al mio livello. È grave, molto grave.

Marina ha detto...

e lasciare tutto questo potenziale non sfruttato???

Maraptica ha detto...

.... e sono tutti fuggiti gettandosi dalla finestra. Giusto? ;) Eddaisucheallafinelefacciamotuttilepuzzette :-P

pesa ha detto...

@Marina: Effettivamente hai ragione. Ragazza, vai! Spargi deficienza nel mondo!

@Maraptica: Sì le facciamo tutti ma non davanti ad un medico :( non è stata una bella sensazione. Quando le faccio in pubblico son silenziose e soprattutto non assumo una faccia beata e realizzata :D

Andrew ha detto...

Pesa, rammenta.. Un peto flebile e privo di odore non vale la pena evacuarlo.

pesa ha detto...

@Larrys: Vedrai allora in che condizioni ridurrò la sala.

Andrew ha detto...

ahahahahaha a me piace condividere

Maraptica ha detto...

Quelle silenziosi non sono puzzette ma loffe e ti assicuro (lo saprai anche tu) che sono le peggiori, effetto camera a gas :-P

pesa ha detto...

@Maraptica: Confermo e sottoscrivo!! Le peggiori in assoluto, infatti quando sei in pubblico e stai per esplodere sono le più pericolose!

Ale ha detto...

Ma sei magnifico! :D molto piacevole da leggere.

pesa ha detto...

@Ale: Grazie mille :) Continua a leggermi allora :D

Posta un commento

Drink!