la sregolatezza pura mi esalta

23 giugno 2011
Quando si trova in un centro commerciale, Pesa è solito fiondarsi immediatamente nella più vicina libreria, sfogliare svariati testi, atteggiarsi a falso (?) colto con il libro che secondo lui potrebbe essere il suo prossimo acquisto, riporre accuratamente il testo al proprio posto e passare così a quello successivo. È anche sua abitudine iniziare a scrivere in terza persona quando parla di se stesso, quindi è giusto che la smetta e inizi parli come una persona normale.
Dicevo, non compro libri, sfrutto le librerie un po' come fanno i comuni mortali con la televisione, ovvero le uso come pubblicità; guardo cosa offre il mercato e poi, siccome i libri son troppo cari, vado in biblioteca (perché io ho la tessera della biblioteca e me ne vanto) e leggo comodamente il mio bel libro a prezzo zero.
Ma questa mia mania di sfogliare libri a scrocca non si limita solo alle grandi librerie, lo faccio un po' ovunque, che mi trovi alla Feltrinelli, da Ubik e anche all'Auchan, proprio all'interno dell'ipermercato. L'altro giorno, infatti, mi trovavo lì per cercare di placare il caldo. Voi ora starete pensando «Vivi in Sardegna, hai il mare più meraviglioso dell'Universo a disposizione, e per ammazzare il caldo vai in un centro commerciale!?», sì lo so, è una cosa stupida, però era tardi e non avevo costume da bagno a portata di mano.
Fatto sta che una volta trovato il refrigerio è iniziato il classico giro all'interno dei vari reparti in compagnia della mia dolce metà. 
Subito reparto computer e tecnologia alla ricerca di qualche aggeggio da aggiungere a questo mio pc portatile ormai prossimo alla pensione. 
Successivamente le strade mie e della mia amata si son divise, lei alla ricerca di non so cosa, io, ovviamente, reparto libri. Sfoglia qua, sfoglia la, ci passa un bel po' di tempo, ed ecco che trovo accanto a me, senza accorgermene, la luce dei miei occhi che sfoglia alcuni libri. Curioso di vedere quali letture l'abbiano affascinata mi accosto a lei e noto che ha puntato uno scaffale a tema: Vampiri.
I miei occhi scorrono i titoli: Vampiri innamorati; Vampiri la notte; Il cacciatore di Vampiri; La notte dei Vampiri; L'amore ai tempi dei Vampiri; Tanto va la gatta al Vampiro che ci lascia il canino; La storia di Benedetto XVI il Vampiro... cosa? Benedetto Vampiro!? Per un attimo ho pensato di aver trovato il libro della mia vita: blasfemo, magari pure ironico, e soprattutto con un titolo che piglia per il culo in maniera irriverente un'elevata entità ecclesiastica. 
Ancora sconvolto e felice rileggo bene il titolo: La storia di Benedetto XVI. Ero tentato di aggiungere come sottotitolo "La storia più raccapricciante del mondo".

24 commenti:

Ragno ha detto...

Non sono io la tua dolce metà?
Comunque la storia del papa non è granché: invece che succhiare sangue dal collo degli adulti faceva altro con ragazzini minorenni...

Memo Remigi ha detto...

tu che l'hai sfogliato, potresti spoilerarmi il finale de "La storia di Benedetto XVI"? come muore?

MrJamesFord ha detto...

Non può morire, almeno fino a quando Darth Vader non arriverà per sollevarlo e gettarlo in un pozzo. ;)

tanteformiche (o Shuzzy) ha detto...

I libri a dire il vero sono forse (fortunatamente) l'unica cosa di economica rimasta (si vede che nessuno legge), io infatti finché ci sono ste edizioni economiche non me le lascio sfuggire, anche perché sono mooolto possessivo e devo averli i libri, non parliamo se sono fichi... sbav, sbav...

VioletPussy ha detto...

Se becco per strada la scrittrice di "twilight" la lincio...Davvero...Ma non è il Ragno la tua dolce metà?!

Il Viandante ha detto...

Beh, anch'io per passare un po' il tempo sono solito andare in librerie/fumetterie e non ci vedo nulla di male. Anzi...

E anch'io ho il mare più meraviglioso dell'Universo a disposizione - anche se a qualche km di distanza.

Ah, questa è l'ultima volta. Non cambio più nick. Menami pure XD

Sileno27 ha detto...

anche io sono orgoglioso di affermare che ho la tessera della biblioteca. e me ne vanto.

pesa ha detto...

@Ragno: No, tu sei trombamico. Sai che comunque mi è venuto il dubbio che fosse un autobiografia!?

@Memo: Non mi sono azzardato a toccarlo, non diciamo assurdità per favore. Faceva schifo solo alla vista.
Però ho sfogliato il libro di Signorini su William e Kate, pensò che lo comprerò solo per copiarlo sul blog e fare un'allegra risata tutti quanti insieme.

@MrFord: La forza è grande in te giovane Ford. Non andare nel lato oscuro della forza! Stasera mi riguardo tutta la prima trilogia!

@Shuzzy: Scusa, se posso non spendere nulla e comunque godere di un libro chi me lo fa fare di spendere 10€? Ora come ora non sono nelle possibilità di comprare tutti i libri che vorrei, anche perché ci spenderei una fortuna, quindi sfrutto al massimo le biblioteche.

@Violet: Fai così, se la trovi avvertimi e la prendiamo a calci tutti insieme appassionatamente. No, con Ragno è stata una storia di sesso animale e basta.

@Viandante: Ti odio. Non aggiungo altro.

@Sileno: Benvenuto nel club dei possessori fieri di tessere della biblioteca! Io ne ho addirittura 3, e tu?

Emanuele Secco ha detto...

Dimenticate che Benedetto XVI è in realtà l'imperatore Palpatine, pronto a farci passare tutti al lato oscuro offrendoci deliziosi cookies...

E.

Memo Remigi ha detto...

@Emanuele: Ometti* che i cookies, il signor Benedetto XVI, ce li offre per via rettale.


*voce del verbo Omettere, da non confondere con "piccoli uomini".

Il Viandante ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=vvuS6DBH-IM

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Io invece spendo in libri. Non li rileggo mai due volte, ma ci tengo a conservarli impolverati sui miei scaffali.
Li metto orizzontali e ne faccio pile altissime :)
L'ultimo libro bellissimo l'ho letto l'estate scorsa, s'intitola "Molto forte, incredibilmente vicino"..
Che dramma sarebbe stao per me doverlo riconsegnare in biblioteca :(
Leggo poco d'inverno, visto il mestiere che faccio :)
Un'ultima cosa..
Chicazzè Benedetto ics vu i?

Marina ha detto...

ahahah anche io ho la tessera della biblioteca però sono un po' stupida, nel senso che trovo la biblio ottima per studiare ma un po' meno per leggere le cose per mio interesse, in quel caso ho un rapporto ossessivo compulsivo e tratto i miei libri come se fossero il fidanzato. Mi rode un po' anche prestarli, in realtà!

pesa ha detto...

@Emanuele: Io da uno così non prenderei neanche 5.000€... o forse sì...

@Memo: Ecco, forse se i 5.000€ sopracitati me li offre per via anale li rifiuterei.

@Viandante: Se cambi ancora nome giuro che vengo in Sicilia e ti annego nel tuo mare bruttissimo, perché tanto il nostro è molto molto molto molto molto più bello :)

@Grace&Marina: Aspettate, non pensate che io non compri libri e non ci tenga a loro. Io ci tengo tantissimo, solo che costano. Quando avrò un lavoro stabile il mio primo pensiero sarà costruire una biblioteca immensa in casa mia.

@Grace: Aspetta, vuoi dire che l'ultimo libro bellissimo l'hai letto l'estate scorsa, oppure che l'ultimo libro l'hai letto l'estate scorsa?? (Ti giuro neanche io ho capito sta cazzo di domanda).
Benedetto quello lì è un pazzo che si veste di bianco e crede di dire cose intelligenti con l'accento di uno che prende per il culo Hitler.

@Marina: Un'altra nel club della tessera della biblioteca! Olè!

Il Viandante ha detto...

Quasi quasi divento "Il nostro è più bello del tuo."
E' da qualche ora che non faccio una cosa infantile ora che mi ci fai pensare

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

L'ultimo bellissimo e che TI CONSIGLIO l'ho letto l'estate scorsa...altri ne ho letti durante l'anno, ma bello bello bello risale alla scorsa estate :)

pesa ha detto...

@Viandante: Senza il molto molto molto molto non ha senso però.
Io faccio azioni infantili almeno ogni 10 minuti. Ne sento il bisogno fisico.
Faccio azioni infantili molto più di te! Nanananana!

@Grace: Provvederò :)

Sileno27 ha detto...

allora ne ho: 2 per il mio paese, 7 per bologna (tutte quelle cazzo di biblioteche universitarie), 2 a pesaro, una a rimini, una a padova. possono bastare.

Il Viandante ha detto...

Posso sempre imparare. Gnégné

pesa ha detto...

@Sileno: Io: 1 del mio paese (siamo sottosviluppati, abbiamo solo una biblioteca); 1 della mia facoltà; 1 dell'università di Cagliari, che diciamo è il passepartout di tutte le biblioteche cagliaritane.

@Viandante: Tra un mese voglio fare la sfida per chi è più infantile. Tanto vinco io.

LA CONIGLIA ha detto...

....tessera della biblioteca...? una sola????
io ho: biblioteca comunale, provinciale, universitaria, di pirri e due o tre ormai vecchie da pensionare delle varie facoltà...il problema con le biblioteche è che se un libro è appena appena uscito non ce l'hanno...ma per mia immensa fortuna i libri che desidero disperatamente da non poter aspettare uno-due mesi sono pochi :)
Sulla questione del mare...il fatto che abbiamo il mare non vuol dire che siamo fissi al mare, esattamente come chi vive a parigi mica starà tutto il giorno sotto la tour eiffel, no?
Su Benedetto...no comment che è meglio...quello i canini metaforici ce li ha belli lunghi purtroppo!

pesa ha detto...

@Coniglia: Ma tu non sei furba, con la tessera della biblioteca universitaria hai accesso praticamente in ogni biblioteca della città! Comunque ho ancora tanti tanti libri da leggere prima di arrivare a quelli contemporanei :)
Dai però quando hai caldo di certo non vai ad un centro commerciale ma al mare, almeno io ho sempre fatto così, ora con il lavoro è un po' più difficile.

Il Viandante ha detto...

Sfida accettata. Se non vinco ti faccio sciarra-chitarra-musica-e-battaglia. Mii

Maraptica ha detto...

Io passo ore alla feltrinelli, seduta su quelle comodissime poltroncine di cartone compattat, a leggere di tutto. Il problema è poi che compro, compro... e compro ancora. Ma è l'unica cosa per cui davvero spendo. Per cui, me lo perdono! Per il libro in questione, ho i brividi -.-

Posta un commento

Drink!