memorie di uno scrutatore, il domani non muore mai

17 maggio 2011
Alcune esperienze segnano profondamente la nostra esistenza; quella di fare lo scrutatore per le elezioni comunali, ovvero in cui un voto fa realmente la differenza e si vince o si perde per un piccolissimo errore di valutazione nell'interpretazione della scrittura dell'elettore, è stata sicuramente una delle più scioccanti, certo, ma anche una da quelle in cui ho imparato tantissime cose; ad esempio che: 

il peggior nemico della democrazia e degli elettori non è Berlusconi, Emilio Fede, la cattiva informazione e tutti questi luoghi comuni da frequentatori di salotti Santoriani, bensì le sedie dei seggi elettorali. Ho visto intorno alle 500 persone inciampare nelle sedie disseminate nel seggio, una addirittura è caduta finendo letteralmente sdraiata per terra; io stesso, intorno alle 3.00 a.m., son inciampato, nel giro di 10 minuti, almeno quarantacinque volte. 
L'elettorato non capisce un cazzo! Voti per un candidato consigliere in una lista di un'altra coalizione rispetto all'originale, nomi totalmente inventati, grafie improponibili, stili di voto inesistenti, insomma gli spot per informare il cittadino sulle modalità di voto sono totalmente inutili. Però hanno portato tutti quanti la carta d'identità. 
I rappresentanti di lista son la peggior invenzione del genere umano. È a causa loro se ho finito alle 03.20; sempre a causa loro ho quasi tirato un pugno ad una donna (rappresentante di lista); per colpa di queste aberranti creature disprezzo sempre di più le elezioni comunali. 
La gente è frustrata e si rifà con le elezioni e l'immenso senso di legge e ordine che questo trasmetto, non capendoci nulla, facendo figuracce che entreranno nella storia come ad esempio rimandare a diritti e doveri del cittadino totalmente inesistenti o comunque privi di qualsiasi tipo di significato logico. 
I sardi non sono scemi, abbiamo un cervello, siamo gente che ha capito tutto della vita. Il 97% dei votanti ha detto NO (votando SÌ) al nucleare.

E ora voglio farvi un regalo. 
Ecco una piccola raccolta delle migliori castronerie raccolte in due giorni al seggio. 

«Si ricordi di non sovrapporre le schede al momento del voto, altrimenti rimane impresso il segno della prima scheda sulla seconda e il voto è nullo» 
« ?? »
«Sì, non le deve mettere una sopra l'altra, funziona un po' come la carta carbone
« ?? »
«Non le metta così!»
«Eh, secondo lei sono scemo che me lo deve far vedere!?»
«... devo rispondere?»

«Scusi, ma cosa devo mettere qui? Sì o No? Ceee le fanno a trabocchetto queste domande!»

«Mi da un'altra scheda per favore? Ho sbagliato a votare»
«No signora, mi dispiace, non si può» 
«Ma è proprio sicura? Non lo diciamo in giro»

«Si vota con la matita!?»
«Certo, guardi è una matita particolare, è indelebile» 
«Ah, se lo dice lei»
Durante lo spoglio abbiamo trovato un voto a penna. 

«Ascolti mio figlio non ha mai votato»
«Quanti anni ha?»
«20»
«Ok, quindi?»
«Se lo porto qui lo posso accompagnare dentro per fargli vedere come si fa?» 
« ... »

«Il signore può votare»
«Ecco, a lei» 
Prende la scheda, la matita si dirige verso un banco, si china e inizia a scrivere
«Nooooooo! Vada dietro la tenda a votare!»

Insomma, alla fine sì ho lavorato intorno alle 48 ore per appena 140€ però ho vissuto esperienze fuori dal comune, ho incontrato personaggi degni di nota e soprattutto ho potuto finalmente avere l'ennesima conferma che Sora Lella aveva ragione sui finanzieri. Io amo quella donna. 

19 commenti:

Sileno27 ha detto...

"lo posso accompagnare dentro per fargli vedere come si fa?"
AhAhAh, questa è CLAMOROSA.
Avrei voluto esserci anche io lì con te, mi sa che ti sei divertito un sacco.

Paòlo ha detto...

Mazza che robe incredibili, ognuno ha le sue :-D Una cosa: se sbagli voto, puoi cambiare una scheda, come se fosse deteriorata. Ovviamente lo puoi fare una sola volta, a noi è successa questa cosa.

Non per sfottere ma noi abbiamo finito alle 21 nonostante certi voti disgiunti, certi voti al limite della leggibilità ed un errore nei calcoli, risolto dopo mezzora di panico :-D

tanteformiche (o Shuzzy) ha detto...

BWUAHAHA!!

Ma quale suffragio universale!! Dovrebbero mettere delle limitazioni e poi ci chiediamo perché l'attuale governo spacca tantissimo e nessuno riesce a sconfiggerlo. XD

Venerdi Sushi ha detto...

Uhm... aggiungo una mia particolarissima esperienza di scrutatore, ai tempi della Democrazia Cristiana, in un seggio elettorale a cui erano iscritte le ricoverate di un ospizio per povere dementi. Le suore accompagnarono le ricoverate a votare e ci presentarono una carta che le autorizzava ad aiutare le donne durante le operazioni di voto. Il Presidente del seggio però le rimandò tutte a casa perché durante il primo voto dalla cabina si sentì la donna che chiedeva: "dove?" e la suroa che rispondeva "lì, lì, sullo scudo con la croce".

MrJamesFord ha detto...

Più o meno è quello che succede ogni weekend lavorando in un negozio, seppur con dinamiche diverse.
Ricordo una volta in cui una signora chiese di restituire un film perchè difettoso.
Io chiesi: "Che problema ha il film, signora?"
"Un problema all'audio. Non si sente nulla."
"Di quale film stiamo parlando?"
"Aurora."
"Signora, Aurora è un film muto."

ciku ha detto...

:-)

grazie!

LA CONIGLIA ha detto...

ahahahahahahaha ma daiiiiii! dal coniglio invece è capitato che uno è entrato a votare e nel silenzio totale si sente 'CLICK!' come il tipo esce e gli chiedono se ha scattato una foto dentro la cabina lui dice di no, che no che non l'ha fatto, salvo poi trovargli la foto nel cellulare presogli praticam con la forza...aiuto certa gente è incredibile!!! ma il voto a penna vale...?

pesa ha detto...

@Sileno: Io invece ci sarei voluto essere quando, nel seggio accanto, è arrivato un personaggio stile Walter e ha iniziato a sbraitare proprio come lui. Maledetta pausa pranzo!

@Paòlo: Noi avevamo rappresentanti di lista che hanno causato in me odio immenso, per la prima volta in vita mia ho provato l'istinto di dare un pugno in faccia ad una donna.

@Shuzzy: Non per dire ma da noi ha stravinto il centrosinistra, quindi anche se l'elettorato è ignorante e stupido sa il fatto suo.

@Venerdì: Noi l'abbiamo fatto per il referendum "Signora se NON vuole il nucleare VOTI SI!" Però non era così evidente come il tuo caso.

@MrFord: Ahahahah se mi dovessi mettere ad elencare tutto quello che mi capita sul lavoro ogni giorno non la finiremo più! Comunque, scusa l'ignoranza, ma che film è Aurora!?

@ciku: Grazie agli elettori del mio paese!

@Coniglia: Ad un mio amico nel seggio accanto è successo lo stesso. Peccato che l'elettore dentro la cabina fosse un carabiniere, non ha fiatato nessuno dentro il seggio.
Ma quindi era in un seggio di bidda Il Coniglio!? Cazzo, per il referendum, se c'è ancora, lo cerco per tutto il paese :D

Marina ha detto...

Cazzo, credo di voler fare la scrutatrice. Oddio si, si, sono masochista.

Le mie sensazioni sui sardi erano esatte, sono un popolo superiore!

Maraptica ha detto...

E' un'esperienza che ho affrontato due volte nella mia vita e devo dire che mi sono fatta grandi risate! Il popolo è una vignetta a colori magnifica a mio avviso ;)

Ragno ha detto...

Figli di puttana sfruttatori! 140€...
Compensi con le divertenti cazzate che ti ha insegnato il popolo

pesa ha detto...

@Marina: Gli schiavi li trattano e li pagano meglio. Non rovinarti la vita!
Comunque sì, noi sardi siamo superiori.

@Maraptica: Sì è magnifico se visto da fuori, quando ci sei dentro, per più di 48 ore, la cosa inizia a diventare pesante e devastante.

@Ragno: Pensa che all'inizio era 145€, il giorno dopo sono arrivati a comunicarci che c'era stata una riduzione di stipendio. Che simpatici burloni.

fabio ha detto...

Sarebbe un peccato disperdere certe chicche. Se scrutererai ancora in futuro potresti raccoglierle in un volume.

Paòlo ha detto...

Ah ti capisco, ogni tanto becchi dei rappresentanti di lista che si attaccano a tutto, venderebbero la madre per un voto in più. Per fortuna non sono tutti così, anzi ci sono rappresentanti che sono dei veri signori, persone tranquille che rispettano il lavoro altrui.

pesa ha detto...

@fabio: Ho fatto talmente tante volte lo scrutatore che avrei due volumi da riempire! Spero nel referendum di giugno per poter raccogliere qualche altra perla.

@Paòlo: Sì infatti erano tutti gentili e cordiali gli altri, questa stessa rappresentante, in altri seggi, è arrivata a conteggiare 100 schede!

Regina Madry ha detto...

eroico! quasi quasi però ti invidio, un simile campionario di umanità in due sole giornate... )

pesa ha detto...

@Regina Madry: Pensa se dovessi ricordarmi tutte quelle delle altre volte, potrei realmente scrivere un libro. Però quest'esperienza mia ha segnato profondamente.

Kitty ha detto...

"Scusi, ma cosa devo mettere qui? Sì o No? Ceee le fanno a trabocchetto queste domande!"

Oltre al fatto che la signora tutti i torti non li aveva, quando sento un "ceeeeee" o - ancora meglio - "ceeeesssssss" mi rinnamoro della sardità.

pesa ha detto...

@Kitty: Sì, effettivamente il ceee è tipicamente sardo. Ancora meglio se enfatizzato da gesti e toni di voce assolutamente alti.

Posta un commento

Drink!