"stato civile?" "veneto" [cit.]

2 marzo 2011
Finalmente riuscimmo a rimanere soli, io e lei. All'interno di quella piccola e silenziosa stanza niente poteva disturbarci; c'era gli sguardi indiscreti dei soliti curiosi, ma a noi sembravano lontani anni luce. 
La accarezzo, è calda, delicata, forse un po' troppo "bianca", ma non è rilevante, l'importante è che ci sia sostanza all'interno. L'involucro, il corpo, è una semplice facciata, il bello, lei, ce l'ha dentro, e nonostante ciò è un piacere anche per gli occhi; è quel tipo che vedi un po' ovunque, con il quale puoi usare la frase «Ci siamo già visti da qualche parte? Mi ricordi qualcuno». Ma io, si sa, sono un uomo rude e poco incline al romanticismo, quindi punto subito al sodo. Sfioro impercettibilmente le parti più importanti, i piccoli gemiti che emette mi fanno capire che il mio intento è stato raggiunto. 
È finalmente pronta.
Non sta più nella pelle, inizia a muoversi, piano inizialmente, poi aumenta l'andatura. Sembra percepire un piacere che non provava da tanto tempo ormai, come se un grande dolore in passato l'avesse afflitta e ora, invece, è libera e ben disposta a compiere il suo "lavoro"; giusto ieri è stata a controllo, le hanno detto che tutti i suoi problemi son stati risolti. Una piccola cura e passa tutto. 
Io la guardo speranzoso e impaziente, non mi azzardo a proferir parola, e porto in cuor l'augurio che tutto finisca nel migliore dei modi; ma si sa, gli imprevisti son sempre dietro l'angolo.
Emette un suono stridulo, si ferma. Son un po' spaventato, dopo una piccola controllatina riprende. Io le chiedo se è il caso fermarci, ma lei non può, non vuole, aspettare. Sembra andare tutto bene quando ecco ancora una volta quel gemito. Mi fermo e sento un brivido lungo la schiena, non voglio neanche pensare cosa sta accadendo, ma devo farmi forza e non fermarmi, non è ciò che lei vuole, e nemmeno io. Metto una mano li dentro, quando la tiro fuori è umida, bagnata da un oscuro colore. Penso al peggio. Ripete per due volte sempre le stesse lamentele e gli stessi problemi. Decido infine di interrompere questo calvario e non andare oltre, non si può proseguire così, bisogna porre un rimedio. Chiedo aiuto in giro, ma nessuno può darmi una mano, tutti troppo indaffarati sui loro piccoli e inutili mondi. A questo punto la soluzione definitiva: prendo il telefono. 


«Buonasera, ascolti ieri siete venuti per ricaricare le graffette della fotocopiatrice, di fatti con quelle non abbiamo più nessun problema. Solo che ora la carta si inceppa sempre nel solito punto, quindi devo aprire e dare ogni volta una controllata, pensi che ho le mani tutte sporche di inchiostro. Riuscite a venire in giornata o rimandiamo direttamente a domani?». 
«Eh mi spiace, stasera è impossibile, quindi domani mattina, sperando che non vi serva»
«L'importante è che sia pronta per venerdì, grazie mille, buona giornata.»


Mesto abbasso la cornetta, mi giro, la guardo schifato, come si fa con il peggiore degli esseri umani, e penso: lurida stronza che non sei altra, neanche all'asilo mi riducevo così con l'inchiostro.

20 commenti:

Giulia Giarola ha detto...

ahahahahahahahhahah XD e pensare che avevo capito male....................................

Emanuele Secco ha detto...

Non c'è niente di meglio di questi post. Viva equivocità :-)

E.

Emanuele Secco ha detto...

E se magari non mi dimentico "l'" è meglio ;-)

E.

MrJamesFord ha detto...

I doppi sensi mi fanno impazzire dai tempi dei miei primi ascolti dei Kiss.
Mitico Pesa!

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

Anche una fotocopiatrice rotta può essere sensuale.
Grande Pesa..non c'avevo mai pensato :)

ciku ha detto...

sta'tènto a quelle cose lì. la fotocopiatrice è aggeggio mortale. non infilarci troppo le mani. neanche per far sporcherie.

mai successo ha detto...

Io una volta con le fotocopiatrici mi ci sono fotocopiato le chiappe. Da allora non hanno più voluto funzionare... dico le fotocopiatrici.

Juliet ha detto...

ODIO le fotocopiatrici, le ODIO! La domanda è: che cosa non odio? :S

Bel post, Pesa XD

pesa ha detto...

@Giulia: E io che pensavo di essermi spiegato male :)

@Emanuele: Ma su, non facciamo i perfettini, sono un errore ambulante, prima di pubblicare questo posto l'ho riletto 15 volte per vedere se c'erano orrori d'ortografia. Viva l'errore.

@MrFord: I Kiss... solo una canzone riesco ad ascoltare, per il resto zero totale. Poi possibile che non mi sia approcciato a loro nella maniera giusta eh. Consigli?

@Grace: Potrei fare follie una notte da solo con una fotocopiatrice, ormai son diventato un mago :)

@ciku: L'ho ammaestrata per bene. Poi oggi è pure venuto il tecnico, quindi a quanto pare problema risolto, problemi di carte incastrate e guarnizioni usurate.

@mai successo: Sai che negli uffici di tutto il mondo il 90% dei guasti delle fotocopiatrici è dovuto a dei bontemponi che si fotocopiano le chiappe!? Io non ho ancora trovato il momento propizio per rompere quella del mio ufficio.

@Juliet: Stavo per chiamare i carabinieri. Ormai sei letteralmente sparita, non rispondi, non scrivi, non fai niente, neanche su msn. Thank you so much per il complimento.

Emanuele Secco ha detto...

@pesa: beh dai... fino ad un certo punto XD

E.

MrJamesFord ha detto...

Riparti dal primo disco, Pesa.
O anche meglio, dal loro primo disco dal vivo.
Sapranno farti ricredere.
E chissà, magari si potrà istituire una versione 2.0 della truccata!

Maraptica ha detto...

Se volevi creare un'illusione t'è andata alla grande ;) Del resto un mio amico disse: Una stampante è come una moglie. Costa prenderla, e le cartucce (o i toner) sono più cari di un assegno mensile.

pesa ha detto...

@MrFord: Va bene, inizierò con "Rock And Roll All Nite". Grazie per il consiglio :)

@Maraptica: Ma no, la mia è dell'ufficio, quindi posso farci di tutto gratis, diciamo che è più come un'amante.

Vaniglia ha detto...

Cioè...Praticamente è una fotocopiatrice un po' zoccola quella lì... Immagino vada un po' con tutti.

Marina ha detto...

:o

il problema è che poi mi sono immaginata una fotocopiatrice in atti osceni

Maraptica ha detto...

Eccerto perchè l'amante è gratis?! Direi proprio di no ;)

pesa ha detto...

@Vaniglia: No no, lavora solo con me, o meglio, solo io lavoro con lei. Che vita di merda.

@Marina: Si, questo è un problema ancora peggiore di aver scritto questo post. Fatti curare, conosco un'ottimo scanner, ci vado ogni tanto a visita.

@Maraptica: Ah io non sono costato nulla a suo tempo, almeno da un punto di vista economico; se consideriamo quello spirituale, mettiamoci un paio di pietre sopra.

Maraptica ha detto...

Economicamente bisogna calcolare tempi e distanze, che se si è lontani un amante costa l'albergo il viaggio e diosolosacosa. Per il lato spiriturale, bhè... non credo ci sia una regola fissa ;)

Sileno27 ha detto...

Quanti cambi di toner che ho dovuto fare nel breve arco della mia vita. Ci vuole molta pazienza, amico.

Bello il doppio senso iniziale.
All'inizio pensavo ti si fosse rotta la macchina, invece no, era la stampante.

pesa ha detto...

@Sileno: Pensa che volevo dare l'illusione che si fosse rotta la scrivania.

Posta un commento

Drink!