all you need is love (papaparapa)

9 febbraio 2011
Vivendo nell'età di Facebook, dei blog e dei social network in generale, trovo del tutto normale che le notizie viaggino alla velocità della luce. Se fai qualcosa tutti sapranno nel giro di un nano secondo che l'hai fatta. Se non vuoi andare ad una festa, perché chi ti invita ti sta particolarmente sulle balle, e inventi la classica scusa ("del ditalino alla tipa mestruata" cit.) dell'influenza, ora devi stare rinchiuso in casa, perché se esci, al 90% ti ritroverai taggato nell'album, dedicato alla serata in cui hai dato buca, di qualche altro tuo amico, compromettendo inesorabilmente la tua invenzione e facendo andare su tutte le furie il rifiutato di turno. Fosse per me sai che preoccupazione, basta subito dire «No non ci vengo alla tua festa!».
Comunque il mio problema non è questo, sempre se di problema si può parlare, anche perché io sono come Mr. Wolf, io non ho problemi, i problemi li risolvo. E così durante una serata di prove il mio povero batterista svela l'arcano mistero che lo teneva giù di morale «Mi son lasciato con E.». Io e quell'altro criminale di Vobi ci guardiamo con fare complice e delinquente, allorché dico «Ah, io lo sapevo già. Facebook». Ma sappiamo tutti che quando un gruppo di uomini si ritrova è peggio di una combriccola di donne assetate di gossip e quindi si parte subito con le indiscrezioni; Raffo lancia l'amo: «Ascolta, ma perché vi siete lasciati?»
«Eh storie»
«Ah... e quali?»
«Va be' non è importante, ora rivoglio solamente lei»
Cosa odono le mie orecchie!? Un uomo che è appena stato mollato - per la 5° volta dalla stessa ragazza - non deve fare nulla se non andare a distruggersi il fegato (cosa che consiglio) e levarsi i pantaloni per dar vita a chissà quale follia sessuale (nei casi in cui si sia stati lasciati la prima volta, si è assolutamente autorizzati a piangersi addosso). Ecco che allora vesto i panni del Dottor Stranamore:
«Non dire cazzate!»
«Eh allora, Pesa, dai dimmi cosa dovrei fare secondo te, vai»
«Libera l'uccello».
Scoppio di ilarità all'interno della Sala. Si divertono un po' tutti a questa mia battuta (?). 
Io mi guardo intorno e incredulo chiedo «Cosa c'è di strano?». Arriva pronta la risposta del sofferente batterista «Dai, un consiglio serio, non una stronzata». Mi prendo cinque secondi, penso un po', rifletto, mi tocco in modo saggio la barba e proferisco parola: «Libera l'uccello».

13 commenti:

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

L'uccello non si libera se è chiuso nella gabbietta del cuore!
Catso ho scritto? :))))))

c_c_c_c_contessa ha detto...

Cinque volte sono decisamente troppe: sei un saggio amico, P.

MrJamesFord ha detto...

Pesa, sono totalmente con te.
Dagli di fegato e libera l'uccello, specie in quei particolari momenti della vita in cui puoi fuggire il giorno dopo prendendoti dello stronzo senza sentirti in colpa neanche un pochino.

Giulia Giarola ha detto...

ahahahahahhahah mi ha spezzato sto post! grande Pesa! XD sei un musicista?? tanta roba! io pure.. ma vocalist! :P

Juliet ha detto...

Occheppalle i tira e molla!
E che gente noiosa quella che si tira, si molla e si lamenta tutto il tempo!

pesa ha detto...

@Grace: Allora la persona che è afflitta da questo problema mi sa tanto che ha: 1) una gabbietta di merda; 2) un uccello difettoso :D

@c_c_c_c_contessa: Pensa, se son saggio come amico cosa posso essere da sconosciuto!? Fossi in te, rivaluterei pesantemente la mia posizione di divinità accennata l'altra sera.

@MrJamesFord: Direi che l'espressione "uccello libero" può diventare il nuovo PDL.

@Giulia: Musicista? No, per favore non insultare una categoria intera che merita la mia più grande ammirazione e devozione. Io strimpello (male) una chitarra :)

@Juliet: Tiramolla era un personaggio dei fumetti fighissimo :D

Sileno27 ha detto...

Juliet hai assolutamente ragione rompono troppo le palle quelli che 2 volte alla settimana si lasciano e si rimettono insieme e poi si lasciano di nuovo per poi ririmettersi insieme.
Non capiscono che in questo modo rompono le balle a : amici, parenti, gente che lavora con loro, gente che studia con loro, insomma a tutti quanti? Dannazione è ora di dire BASTA alle coppiette scassacazzo.

Emix ha detto...

Anche io sono un musicista! No, non è vero, ma mi sembrava un buon modo per esordire.

pesa ha detto...

@Sileno27: Ok il nuovo slogan PDL sarà "uccello libero e basta coppiette scassaccazzo, ma soprattutto uccello libero".
Effettivamente si, hanno rozzo l'uccello.

@Emix: Ti stimo. Un esordio in grande stile.

Marina ha detto...

Cagliari? OMG Cagliari... Sono stata in ferie quest'estate e te lo giuro mi è rimasta nel cuore :)
Veramente avevo il b&b a Selargius ma comunque sono stata spesso lì... Sono andata anche a sentire Ax, il sogno della mia infanzia :D

Coooomunque, "Libera l'uccello" è un consiglio utile ma dovresti fare delle precisazioni in quanto l'ultima volta che, scaricata dal mio ragazzo, decisi di liberare la passera, questa volò di nuovo presso lo stesso soggetto. Dato che al tuo amico è già capitato cinque volta magari legatelo, fate qualcosa, non so :D (A me tutto sommato è andata anche bene, ma questa è un'altra storia)

Btw devi sapere che qui "terrone" è usato spesso come sinonimo di "tamarro", senza connotazioni razziste... Io lo specifico sempre quando parlo su internet perchè mi viene spontaneo dirlo ma poi mi ritrovo la gente che mi insulta e rimango così O_____________O

pesa ha detto...

@Marina: Si effettivamente Cagliari è meravigliosa, anche io, nonostante tutto la adoro.
Per la questione dell'uccello libero tranquilla, anche lui prima o poi, ne son sicuro, tornerà dalla relativa passera. Certe cose son troppo prevedibili. Tranquilla nessuna offesa e nessun insulto per il "terrone" :)
Benvenuta.

Giulia Giarola ha detto...

eh ma sempre di musica si tratta! :P ahahah nemmeno io sono una "musicista" nel vero senso della parola.. ma chissene! XD mi piace troppo cantare! XD XD

Ragno ha detto...

Mai consiglio fu più azzeccato

Posta un commento

Drink!