due facce della stessa medaglia

29 novembre 2010
Da quanto tempo sto cercando di scrivere qualcosa di realmente sensato? Almeno due settimane. Sentendomi vittima di un angosciante, quanto desiderata, routine "casa - lavoro - studio" le idee, in questo periodo, hanno faticato ad accumularsi, la mente ha preferito concentrarsi su altro (il letto) e il tempo non è mai passato così velocemente.
Così, tra un momento di temporanea morte cerebrale e attività matta e disperatissima, una notte mi son ritrovato a guardare la televisione. «Delinquente!» «Criminale!» «Michele Misseri!» «Imbecille! Proprio tu, che ci hai fatto due coglioni tanti con la televisione, ora vai a dire tranquillamente che hai acceso quel malefico strumento del demonio!? Alla forca!».
Si è vero, però quando prepari un esame in cui si analizzano gli schemi creativi e procedurali del tubo catodico devi buttarti nel mezzo e provare a (ri)analizzare le tematiche del tuo argomento di studio no!? Ed è esattamente quello che ho fatto io. Fai zapping qui, fai zapping li, mi ritrovo su Canale5 («Delinquente!» «Criminale!» «Michele Misseri!») dove c'è una "divertentissima ed esilarante" puntata di Mai dire Grande Fratello. Ed è proprio guardando questi programmi che capisci quanto hai sbagliato a sbatterti per ben tredici anni della tua vita tra scuole elementari, medie e superiori, in certi casi addirittura all'università, per diventare una persona con un minimo di spessore culturale.
Mi imbatto infatti nella scena di un totale decerebrato, analfabeta che riceve "lezioni" d'italiano dalla fighetta intelligente di turno, la quale definisce il congiuntivo come «quello che finisce con la doppia S», e allora capisco che non bisogna studiare, non bisogna affaticare lo sguardo sulle sudate carte o davanti allo schermo di un pc. Basta che tu sia un Priapo imbecille che non sa mettere due parole in croce e il gioco è fatto. Successo, fama, denaro, donne (!), tutto questo è quello che ti aspetta. Però poi penso a quando sono a lavoro e mi vengono a dire «Io son totalmente analfabeta, mi sembra giusto mettere in chiaro le cose», ed è così che vengo catapultato nel mondo reale, non in quello fatato e stellato della televisione o della politica (Gasparri! Gasparri! Non fatemi parlare di Gasparri!). Il mondo vero, in cui non sei nessuno con una laurea, e sei ancora meno se hai il diploma; in cui la lettura di un libro viene vista come un'attività dispendiosa dal punto di vista energetico e si preferisce un lobotomizzante programma televisivo; in cui la musica di spicco è rappresentata dai vari fenomeni dei reality show. Purtroppo questa società non ce la siamo ritrovata così bella e pronta, questa società, e questo ordinamento culturale, ce lo siamo scelti, e non è di certo salendo ora sui tetti delle facoltà che le cose cambieranno, però potrebbe essere un inizio. E invece quale può essere la soluzione definitiva? A mio avviso: Gianluigi Bombatomica.

6 commenti:

c_c_c_c_contessa ha detto...

Capra! Capra! Capra!

federica toffoletto ha detto...

forse anche i libri aiutano ad avere carisma e mistero

odin ha detto...

Concordo in particolare sul "non parliamo di Gasparri". Dovrebbe essere un dogma.

Shuzzy ha detto...

Massì, che vuoi farci, c'è chi per diventare qualcuno deve sudare sulle carte e chi invece lo è in automatico, dopotutto è risaputo.

Ma nessuno è mai diventato un Leopardi senza prima sudare sulle carte. E comunque, qualsiasi cosa saremo, in cuor nostro saremo sempre consci di essere superiori a certa gentaglia. D'altronde è un po' come la questione di Dio, che non possiamo comprendere il suo altissimo volere anche se a volte può sembrare illogico o errato. Questa immensa massa di cerebrolesi indegna di qualsiasi cosa che non sia leccare la loro stessa merda, non potrebbe mai comprendere, un po' come noi non possiamo comprendere Dio.

C'est la vie.

pesa ha detto...

@c_c_c_c_contessa: Ma ci pensi che Sgarbi oggi è considerato una delle massime espressioni di cultura presenti all'interno della televisione italiana?? Citando un grande che anni fa parlava di lui "Cose da piangerci la notte!"

@federica toffoletto: È più semplice far finta di ascoltare Battiatoascoltare Battiato e poi cercare su Google i significati dei testi così da passare per grandi colti. Leggere il libro sarebbe troppo dispendioso.

@odin: Sono in silenzio stampa. Non nominiamolo più per almeno 15 anni, a meno che non sia seguito dal nome di Neri Marcorè.

@Shuzzy: Non entriamo in tematiche religiose altrimenti rischiamo di non uscirne più. È troppo rischioso come argomento :)

Ragno ha detto...

Oooh uoooh...Gianluigi...BOMBATOMICAAAAA!

E' proprio quando accendi la tv che è tutto peggio di come pensavi

Posta un commento

Drink!