i migliori aforismi e citazioni (mi piace/pollice verso)

8 agosto 2010
I personaggi dei film, per me, sono degli stili di vita, dei modi di essere, figure lontane nel tempo e nello spazio da cui prendere ispirazione. In alcuni casi anche gli attori, non per nulla io da grande voglio fare il Clint Eastwood. però pensiamoci bene, come non si può prendere come esempio i personaggi dei film?? Non soffermiamoci su una figura in particolare, quindi lasciamo da parte i vari protagonisti, antagonisti ecc ecc, soffermiamoci invece proprio sul personaggio. Esso chi è? È in molti casi (tranne i film tratti da storie di vita vissuta per finta) una creazione cervellotica impeccabile, dietro il quale ci stanno studi e studi mirati proprio alla figaggine dei personaggi, creato appositamente per costruire attorno a lui storie incredibili che stimolino l'immaginazione dello spettatore. Non so se ho una malattia o qualcosa di affine, ma a me stimolano molta, troppa immaginazione. Tanto che in alcuni casi mi immedesimo proprio in un personaggio, penso come lui, guardo come lui e forse la cosa peggiore parlo come lui.
Parlare come il personaggio di un film sarebbe una cosa incredibile, essere un wikiquote cinematografico è una delle mie aspirazioni. durante un discorso sfoggiare una mirabolante frase che fa da contorno alla storia del cinematografò sarebbe una perla micidiale (non che non lo faccia già per dio, però farlo con una frequenza maggiore non mi dispiacerebbe). Certo potrei essere accusato di poca originalità, poca personalità, addirittura pigrizia mentale...ed è vero. Però a volte ci metto del mio, non finiranno mai sul Morandini, però rimangono solitamente nell'immaginario collettivo come costituzione del pesa-pensiero (che in buona parte viene rappresentato in questo blog). Immaginate chiudere un'uscita con una ragazza che ti ha fatto i coglioni ad acqua citando, con fare superiore, spavaldo e sbruffone, l'immenso Clark Gable e congedarla con un sonoro "francamente me ne infischio". Francamente ho fatto di peggio, non con così tanto stile, ma ho fatto di peggio. Oppure in un momento di panico, con i minuti contati esclamare con calma e pazienza "ci vogliono 30 minuti, ce ne metterò 10" come fece Harvey Keitel. Ma ce ne sono talmente tanti altri che elencarli tutti sarebbe impossibile.
Invece gli aforismi personalmente li trovo monotoni, sarà che ormai facebook li ha svuotati completamente del loro significato, o perchè le persone appena sentono una frase con un minimo d'effetto partorita da non so quale attore pseudofamoso (fa più scena se invece è uno sconosciuto di cui hanno sentito parlare solamente in 3 in tutto il mondo) devono immediatamente citarla in qualsiasi occasione, in qualsiasi contesto. Non nego che mi è capitato spesso di sentire la celeberrima "alea iacta est" in situazioni completamente prive di senso. O ancora peggio, quando citano Jim Morrison, quel povero cristo si starà rivoltando nella tomba, sapendo che miriadi di bimbiminkia usano a sproposito le sue parole, tanto piene di senso quanto di LSD. E ora la parte peggiore di tutte probabilmente: Nietzsche. Il più grande genio di tutto il creato che viene sfruttato, stuprato, spogliato di qualsiasi significato, di qualsiasi contesto da persone che non meritano neanche di vivere, che si fanno i matti e gli scoppiati. Ma come disse Carmelo Bene "Nietzsche è impazzito perchè se l'è meritato". E allora io vedo su facebook un violino colorato con una sorta di pentagramma che esce dalle corde e accanto la scritta "senza musica la vita sarebbe un errore" e li inizio a piangere.
Dopo il breve sfogo torno alle frasi da film, e non posso non tirare in ballo i miei maestri di viti, i miei guru, ma se dovessi fare un elenco delle citazioni memorabili dei Simpson che vorrei fare mie, penso che questo post non arriverà mai ad una fine. Come invece è appena accaduto.

2 commenti:

Lorenzo ha detto...

mia moglie è comprensiva...basta menaje...

Anonimo ha detto...

La Sardegna fu chiamata dai Greci Hyknusa o Ichnussa (Ιχνουσσα)

Posta un commento

Drink!